Skip to content

Soddisfazioni

25 giugno 2012

Di recente ho fatto la mammografia e poi l’ecografia al seno. Il medico che mi fatto l’ecografia era una donna. Arcigna, sbrigativa nei modi anche se non nell’esecuzione dell’esame. Ma ciò che non scorderò tanto facilmente è il suo sguardo.

Ecco, lo ammetto, a torace nudo non sono proprio un bello spettacolo. Una lunga cicatrice orizzontale sopra il seno sinistro (per rimuovere il nodulo di quasi 3 cm..), una piccola cicatrice sopra il seno destro e relativo bottoncino (dove è posizionato il port), una lunghissima cicatrice che dalla base del collo scende verso la pancia e tre piccoli forellini sopra l’ombelico (ricordo dei tre drenaggi). Se vogliamo in tutto ciò c’è una certa simmetria, ma non si può negare che l’insieme non sia il massimo, se poi aggiungiamo che come conseguenza della quadrantectomia il capezzolo sinistro è più alto di quello destro, decisamente non sono un bello spettacolo..
Da settembre ad ora occasioni e motivi medici per spogliarmi ce ne sono stati in abbondanza e ho avuto modo di cogliere su di me tanti sguardi diversi: curiosi, sorpresi, stupiti, indifferenti, compassionevoli, solidali, ma come quello della scorsa settimana mai.
Schifato.
Sì, non ci sono altre parole. Certo, non in modo palese ma si intuiva in modo chiaro ciò che pensava: la sua espressione e la sua postura rimandavano la difficoltà di starmi vicino.

Ecco, se devo essere sincera, ci sono rimasta male solo per un centesimo di secondo, poi mi è subentrata la pena per lei, per la sua miseria morale e per la sua incapacità di essere dottore.

Il suo sguardo mi ha fatto ricordare l’anormalità del mio corpo: quelle cicatrici che sono testimoni del mio vissuto. Alcuni mi hanno chiesto se penso di nasconderle, magari facendo un tatuaggio, un altro mi ha consigliato una crema per ridurre i segni lasciati sulla pelle.

Non so che farò, quai sicuramente nulla, e se non mi fosse vietato dalla radioterapia che oggi concludo penso che quest’estate sarei andata al mare con il bikini, come ho sempre fatto. Quelle cicatrici ho imparato ad amarle. Quelle cicatrici sono mie. No, non chiamatele segni di guerra. La guerra per me è un’altra cosa. Sono testimoni della mia vita, della sofferenza provata e anche della miracolosa capacità dell’essere uomo di superare difficoltà e dolori e riaprirsi alla vita.

Quello sguardo mi ha dato l’occasione di riflettere sul mio corpo, su quei segni. Ho avuto modo di capire che è stata una fortuna non aver incontrato prima quel medico, quando la fragilità di un post operatorio mi avrebbe reso troppo sensibile al suo giudizio.

Sono fortunata e forse la devo anche ringraziare perchè mi ha dato l’occasione di ripensarmi. Io ho sempre avuto un rapporto conflittuale con il mio corpo, a lungo non mi è piaciuto, troppo secca quando i maschi, si sa, cercano le maggiorate, troppo bassa quando l’altezza diciamolo ha un certo valore. E poi, non so quando, non so come, ci ho fatto pace con il mio corpo. Di certo aiuta avere accanto un uomo che ti ama, ma come ho già avuto modo di dire, se non siamo le prime a considerarci meritevoli, gli altri possono urlarlo a squarciagola e noi non lo considereremo vero.

Qualche anno fa o in un periodo di fragilità post operatoria quello sguardo mi avrebbe mortificato a lungo.

Ora no, ora quello sguardo mi ha reso più consapevole di me e del mio stare bene nella mia pelle, nel mio corpo con tutti i suoi difetti.

E lasciatemelo dire, son soddisfazioni!

Annunci
62 commenti leave one →
  1. Barbara permalink
    25 giugno 2012 11:18

    Sei una grande perché io non so se avrei avuto la forza di reagire come hai reagito tu , purtroppo – per altre vicende – di sguardi su di me ne ho sentiti e sento fin troppi e so cosa si prova. Per questo ancora una volta ti dico : chapeau.

  2. 25 giugno 2012 11:19

    Enorme soddisfazione tua… enorme disgusto per il soggetto in questione

  3. 25 giugno 2012 11:26

    che piccola persona fa pena pure a me!E tu sei stata una gran donna e 1000 volte superiore a lei……………………che poi è donna pure lei………………………..

    • 27 giugno 2012 08:46

      ha colpito molto pure me il fatto che fosse donna, e pensare che quando sono entrata ho pensato “oh che bene, una donna” O_o

  4. widepeak permalink
    25 giugno 2012 11:50

    bravissima, è cosí che si fa, il nostro corpo, pur cosí fragile, è il nostro migliore alleato, difetti, cicce, cicatrici, traumi. non c’è niente di
    meglio che sentirselo bene addosso, di qualunque forma o specie: significa
    che siamo vive!!

    • 27 giugno 2012 08:49

      proprio vero, e da quando l’ho realizzato ho iniziato a prendermene cura, adesso piano piano riprendo anche un sano regime alimentare 🙂

    • 2 luglio 2012 18:22

      Mi associo… siamo vive, doloranti magari ma… vive.

  5. profpalmy permalink
    25 giugno 2012 12:23

    Veramente uno sguardo inadeguato il suo, ma in fondo come dici ti ha permesso di accrescere la consapevolezza di te e della tua grandezza…

  6. 25 giugno 2012 12:31

    Questo tuo racconto mi ha fatto provare tante emozioni diverse Wolky. La prima è stata un fastidioso senso di disgusto per quella dottoressa (?), rabbia e vergogna per la sua miseria, indignazione perché a certi soggetti è consentito di fare i medici. Ero infuriata Wolky, e stavo per consigliarti di non lasciare perdere, che una così non può passarla liscia, che una segnalazione alla direzione dell’ospedale ci voleva, anche solo per non permetterle di fare del male a persone meno forti di te.
    Poi però ho letto la seconda parte del tuo post ed è subentrata l’ammirazione, per tutto quello che sei e che provi, per la tua forza e la tua profonda saggezza. Forse hai ragione tu, una così si punisce da sola, io però continuo a sognare un mondo utopistico dove si ha rispetto per la sofferenza e la debolezza degli altri. Specialmente se si è dei medici.

    • 27 giugno 2012 08:54

      Anch’io lo sogno, Maude, voglio sperare che il suo sia stato un episodio isolato perché se ogni volta che vede un corpo deturpato reagisce così rischia di far soffrire troppe persone. E per la segnalazione.. a ripensarci sarebbe stato bello se fossi riuscita a dirle direttamente io quel che pensavo di lei..

  7. rita permalink
    25 giugno 2012 13:11

    il mio parere “poco diplomatico” Te l’ho già espresso……qui aggiungo solo che definirla “medico” è un’offesa per chi, medico, lo è veramente e con la M maiuscola e per fortuna ancora ce ne sono. Le reazioni che possono suscitare la vista delle Tue cicatri, possono essere le più diverse….non da parte di un medico, non da parte di una “donna” medico, specie verso un’altra donna….ma si sa, nel momento che si è medici o si professa solo per mestiere e non anche per vocazione, questo può accadere.
    Umanità, delicatezza e sensiblità (mettiamoci anche del sano buon senso e un po della troppo dimenticata buona educazione): sarebbe ora di introdurle come materie di studio e di severissimo esame selettivo….

    P.S.: FINITOOOOOOOOOOOO!

    • 27 giugno 2012 08:57

      .. e il tuo altro parere mi ha fatto ridere, lo sai!
      per il resto, Rita, puoi immaginare che penso la stessa cosa, essere medici non significa solo avere competenze tecniche, le abilità sociali vanno di pari passo (e anche quelle si possono imparare!)

  8. 25 giugno 2012 13:23

    Penso sinceramente che tutto quello che sai tu, dovresti insegnarlo. Ai malati e ai non malati. Grazie per quello che scrivi!

  9. 25 giugno 2012 16:14

    Ammiro tanto il tuo coraggio, vuol dire che hai superato una fase importante. Certo quando una persona non è al massimo del proprio “volersi bene” a causa delle sofferenze vissute e poi ti capita una dottoressa di questo tipo, può davvero essere devastante.
    Ma tu sei stata molto forte e per questo posso dirti che sono veramente fiera della tua reazione!

    • 27 giugno 2012 09:06

      pensa che è stata talmente inaspettata che ho avuto bisogno di più giorni per capire come mai avessi reagito così o_O
      e comunque non voglio pensare che reagisca sempre così..

  10. 25 giugno 2012 16:51

    Ammiro te e compatisco lei, come ho guardato schifata anni fa una persona che mi guardava con compassione, un’estate, al mare, coperta per non esporre le cicatrici fresche al sole, è questa persona che m guardava con fare compassionevole, come a dire “poverina”…poverina un accidente…poverina te!

  11. miki permalink
    25 giugno 2012 21:46

    Nel leggere il tuo post mi è ritornato in mente il film “Un medico, un uomo” interpretato da William Hurt.
    La trama di questo film è in poche parole quella di um medico- abbastanza cinico e distaccato dai suoi pazienti- che capisce cosa vuol dire essere un uomo solo quando dall’altra parte della barricata si ritrova lui..e scopre che non è per niente piacevole essere solo un numero su di una cartella clinica.
    Fa molto riflettere come la sensibilità delle persone sia sovrastata dalla routine, dalla noia, dall’insoddisfazione, dalla poca capacità di sorridere.Alla cara dott.ssa che ti ha fatto la mammografia consiglio proprio di guardarsi “un medico,un uomo”,si capiscono cose che sui manuali non sono scritte.

    • 27 giugno 2012 09:10

      purtroppo hai ragione, MIki, troppo spesso riusciamo veramente a comprendere gli aspetti emotivi solo quando viviamo di persona certe esperienze, ma per chi svolge certe professioni questo non dovrebbe accadere..

  12. 25 giugno 2012 23:28

    Ci vuole una persona speciale per pensare e scrivere cose così! Continua a volerti bene perchè ne vale la pena, sei bellissima ed anche di più proprio per le cicatrici che non ti hanno piegata ^_^
    A quel medico (?) consiglierei di andare a piantar patate

  13. 26 giugno 2012 10:48

    Tanto di cappello Wolkerina ;D!
    Mi inchino e ti ammiro ancora di più se possibile, perché di fronte ad una mancanza così grave, solo una grande donna avrebbe reagito come te!
    Un abbraccio!

  14. 26 giugno 2012 10:58

    Brava!!

  15. ISA permalink
    26 giugno 2012 15:08

    A volte ci si chiede come mai alcuni dottori scelgano quella professione….dato che non sono nè umani nè sensibili….Sono certa che il tuo corpo non sia niente male anche con qualche cicatrice! Come sempre sei un esempio UNICO da seguire….Complimenti!!!

  16. 26 giugno 2012 22:57

    Sai, leggere questo post, oltre a un’immensa ammirazione per te, mi riempie di disgusto, perché scegliere di fare il medico è una decisione importante, delicata, da compiere con tutta la consapevolezza del mondo, e non bisognerebbe mai dimenticare che insieme alle capacità oggettive bisogna essere in grado di entrare in empatia con i pazienti (mi è sempre rimasto in mente quel frammento de “La meglio gioventù” dove il prof lo dice al protagonista). Ma tu sei davvero forte. Un abbraccio

    • 27 giugno 2012 09:21

      Mi auguro davvero che si sia trattato di un episodio isolato, anche se certe professioni richiedono più di altre di non tralasciare mai l’aspetto umano..
      e grazie della segnalazione, Cristina, è da molto che devo vedere il film, prima o poi lo farò 🙂

  17. Elisa permalink
    27 giugno 2012 09:46

    Sei semplicemente una grande, ti ammiro sempre di più!

    Elisa

  18. 27 giugno 2012 10:24

    Brava, bravissima, così mi piaci!!!! Io ho solo una piccola cicatrice lasciata dal CVC e devo dire che ci sono davvero affezionata!!!

  19. 27 giugno 2012 13:37

    Che tu riesca a trarre soddisfazione da questo tipo di atteggiamenti ti fa onore e la dice lunga sul tipo di persona che sei, però questi comportamenti non dovrebbero proprio esistere, sono brutti per strada, ma sono intollerabili in uno studio medico per un esame, per giunta, come la mammografia… Le cicatrici raccontano la tua storia e la tua forza

    • 28 giugno 2012 21:41

      sì, sono parte di me, e la cosa più importante è che io viva bene con loro 🙂

  20. 27 giugno 2012 19:59

    Jovanotti dice: “E ogni cicatrice è un autografo di dio, nessuno potrà vivere la mia vita al posto mio…”
    Anch’io ne ho tante… ma mica solo per colpa del cancro, eh? 😉

  21. 28 giugno 2012 13:22

    A mio parere ci sono alcuni medici (solo alcuni, ovvio…la maggior parte è qualificata e competente) che, durante la loro vita, si sono ritrovati a fare una scelta sbagliata: studiare medicina.
    Ma perchè se non sono in grado di rapportarsi con un paziente, di trasmettergli ottmismo e fiducia devono fare il medico? Ma che vadano a fare un bel corso di karate per sfogare così le loro frustrazioni!!!
    Ammiro il tuo autocontrollo e la tua saggezza…hai ragione da vendere!Io, al tuo posto, mi sarei fatta scappare qualche osservazione cattiva o mi sarei sentita terribilmente demoralizzata…in entrambi i casi, non ne sarebbe valsa assolutamente la pena.
    Queste persone devono vergognarsi di loro stesse e sentirsi a disagio per il loro assurdo comportamento, non siamo noi pazienti a doverci sentire a disagio!
    Un abbraccio grande.

    • 28 giugno 2012 21:55

      quando mi sono resa conto di come si stava comportando ho davvero provato molta pena per lei e questo è stato sufficiente per non sentire rabbia o altro.. meglio così!

  22. 28 giugno 2012 15:01

    Come diceva mia nonna: “raglio d’asino non giunge in cielo”.
    Le meschinità delle persone piccole non possono intaccare lo spirito di una grande donna!
    Un abbraccio

  23. olga permalink
    28 giugno 2012 15:06

    Dall’ incontro con questa persona sei riuscita a trarre le tue riflessioni positive e a noi hai dato l’occasione di conoscerti un po’ di più (anche fisicamente) e ti dico che sei bravissima!!
    Sempre con il mio affetto
    Olga

  24. 28 giugno 2012 15:32

    Cambiasse mestiere. E qui mi fermo.

  25. Rosa permalink
    29 giugno 2012 10:24

    Mi hai colpito in modo positivo. Sono Rosa, una tua compagna di avventura. Vorrei contattarti. Come faccio? Un saluto.

  26. 2 luglio 2012 18:26

    E brava la mia amica virtuale… sei davvero unica. La pena per quell’essere che non riesce a comprendere quanta vita ci possa essere nelle tue cicatrici è davvero tanta. Un abbraccio

    • 3 luglio 2012 15:43

      si può solo provare pena per persone così meschine.. ricambio l’abbraccio Claudia!

  27. Rosa permalink
    2 luglio 2012 19:48

    Ti ho scritto una e-mail e spero che mi rispondi. Auguri per tutto. Un abbraccio. Rosa.

    • 3 luglio 2012 16:10

      grazie per gli auguri Rosa.
      rispondo sempre alle mail, a volte mi ci vuole un po’ più di tempo ma .. rispondo sempre 🙂

  28. 3 luglio 2012 14:29

    L’ammetto, io sono una di quelle che ne sarbbe uscita devastata, dopo quello sguardo. Ancora più piena di insicurezze e di confusione.
    Ho sempre avuto un rapporto difficile con il mio corpo, dopo tutto questo la situazione non è certo migliorata. Anche se tutta questa esperienza, in generale, mi ha portato un bagaglio di autoconsapevolezza che va ben al di là di una tetta storta. Non è questo, sono sicura che mi capite. Ma io sono lontanissima dall’amare il mio corpo, dal considerarlo un mio alleato. Ma so che dovrei farlo.
    E questo tuo dolcissimo post mi aiuterà in questo percorso.
    Grazie!!

    • 3 luglio 2012 15:56

      ti capisco bene, Biancaspina, perché per tantissimi anni ho avuto un rapporto difficile con il mio corpo, non mi piacevo, pensavo che l’attività fisica fosse una perdita di tempo e l’alimentazione un modo per trovare piacere. mentre ti scrivo mi rendo conto che forse la mia svolta è avvenuta quando ho iniziato a prendermene cura, prima con l’alimentazione e poi con l’attività fisica. dedicarci del tempo per far sì che si mantenesse sano e in forma (e non in senso di chili sia chiaro) piano piano forse ha cambiato anche il mio modo di vivermi. Ti auguro di iniziare presto a considerare il tuo corpo come il tuo alleato più prezioso!

  29. 2 agosto 2012 18:36

    Complimenti per il grande equilibrio dimostrato. Una laurea in medicina non fa di una persona un “essere umano” purtroppo.

    • 3 agosto 2012 17:19

      eh già, purtroppo ai test d’ingresso non vengono valutate le abilità minime per rapportarsi agli altri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: