Skip to content

La mamma di Momo

31 marzo 2015
tags:

Perché di Iome mi fido. Perché anche ciò che all’apparenza può sembrar poco con l’aiuto di tanti può fare la differenza.

roceresale

La prima volta che ho ricevuto il babbo di Momo me ne stavo in atrio ad aspettarlo questo babbo. Nell’atrio c’ero solo io e un ragazzo giovane, qualcosa in meno dei miei anni.
Tre minuti buoni prima che una delle due perplessità si facesse avanti e dicesse “ma lei è la prof. Roceresale, lei è il babbo di Momo, non me lo aspettavo così giovane, anche lei, grazie, andiamo”

E così seppi della mamma di Momo, molto malata, una malattia degenerativa.
La vidi poi nei ricevimenti successivi, sulla sedia a rotelle. L’ultima volta, l’anno scorso, già la tracheotomia. Martedì scorso, ai ricevimenti un biglietto di scuse “non può venire, non sta bene”.

E mercoledì, appena il giorno dopo, un articolo shock sul quotidiano locale; una diagnosi di malattia rarissima, la foto è quella della mamma di Momo, di sicuro. Un iban, una richiesta di aiuto per un’operazione negli Stati Uniti…

View original post 227 altre parole

Annunci
4 commenti leave one →
  1. 1 aprile 2015 16:47

    Grazie, cara

  2. 1 aprile 2015 20:14

    Non potevo mancare! Grazie

  3. 2 aprile 2015 12:26

    ti lascio un saluto e ti auguro Buona Pasqua!!
    ti abbraccio !!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: