Skip to content

L’amore cura

5 febbraio 2012

Post ad alto contenuto emotivo.. 

La terapia del 27 ha portato con sè un nuovo effetto. Il termine tecnico è disgeusia, in pratica per tre giorni ho un’alterazione del gusto e sono alla ricerca spasmodica di sapori sempre più forti che vadano ad oscurare almeno per un po’ quell’orrendo sapore in bocca.
Cercando in rete mi sono imbattuta in un post che parlava proprio di questo.
Sono rimasta senza fiato.
Perchè nel post non si parla di adulti ma di bambini. Bambini ricoverati in un reparto di oncologia pediatrica.
Chi scrive è una mamma che è stata catapultata in quello che lei chiama “il regno di Op“. Con uno stile diretto, senza sconti, trascina anche il lettore in quel mondo. E per un po’ si perdono tutti i riferimenti.

Per due giorni mi sono tenuta lontana dal suo blog, dicendomi che era giusto riservarmi letture più leggere, ma poi ci sono tornata e l’ho letto tutto il suo blog. E ho trovato forza, sofferenza, anime belle, stanchezza e sorrisi.

E poi ho scoperto che se c’è il dolore c’è sempre anche la speranza.

Il 17 e 18 febbraio la FIAGOP (Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica) organizza a Roma la “X giornata mondiale contro il Cancro Infantile“.
Dal 3 al 20 febbraio  sarà attiva una raccolta fondi per finanziare il progetto “Supporto Psiconcologico in Pediatria – Sostieni i bambini e gli adolescenti colpiti da tumore e le loro famiglie”..

..perchè l’amore cura.

Annunci
32 commenti leave one →
  1. Patrizia permalink
    5 febbraio 2012 14:21

    Sono andata a leggere il “regno di Op” e sinceramente l’ho letto tutto d’un fiato, sebbene la lettura tolga il respiro… è vero: davanti al dolore si scatena spesso una strana alchimia fatta di coraggio, tenacia, scoraggiamento e speranza, stanchezza e incredibile forza…
    A te l’abbraccio di sempre e l’augurio di una buona domenica (se potessi ti farei assaggiare la torta di mele che ho appena sfornato, magari ti aiuterebbe un pò a migliorare i sapori…).
    Qui sul lago di Garda siamo sommersi dalla neve…
    Patrizia VR

    • 7 febbraio 2012 22:20

      adesso mi mangerei la tua torta più che volentieri, nei giorni scorsi ero alla ricerca disperata di cose salate e poco sane.. buona settimana a te

  2. Samantha permalink
    5 febbraio 2012 14:49

    Grazie per avermi fatto scoprire questo blog meraviglioso e terribile. Conosco quella realtà, l’ho frequentata da volontaria, poi da medico, poi l’ho lasciata per un lavoro più tranquillo…troppo dolore, troppo per riuscire a lasciarlo fuori dalla porta quando torni a casa dai tuoi figli. Forse sono stata vigliacca, forse solo onesta con me stessa e i miei limiti. Ma sostenere queste realtà e gli eroi coraggiosi che per destino o per scelta si ritrovano a viverla…beh, è il minimo ! Grazie e spero che tu possa presto tornare a distinguere la carne dal pesce

    • 7 febbraio 2012 22:22

      anche saper riconoscere i propri limiti richiede coraggio.. son d’accordo con te, sostenere queste iniziative è davvero il minimo!

  3. 5 febbraio 2012 16:16

    ciao wolker, ti lascio solo un abbraccio calda da una città tutta bianca. sei sempre nei miei pensieri, tigli

  4. stefania.panai@gmail.com permalink
    5 febbraio 2012 16:26

    ciao, ti seguo spesso, ho letto IL REGNO DI OP, blog che insegna ad amare la vita in tutte le sue piccole cose, come il TUO!!! GRAZIE WOLKER ❤ STEFANIA

  5. 5 febbraio 2012 20:12

    Grazie mille Wolker per questo link. E’ una realtà che purtroppo io, mio marito e mio figlio abbiamo vissuto. Quando poi tutto finisce e quasi ti senti libera da questa prigionia terribile, guardi da fuori l’ospedale e ti sembra di sentire le grida delle persone ricoverate, grida che prima erano anche le tue. Da fuori però tutto sembra normale, maledettamente normale, e tu ormai sei inserito in questa realtà parallela, che solo chi ha provato capirà, da cui non uscirai mai più, ma che ti ha reso n qualche modo molto più consapevole della sofferenza.
    Un abbraccio a te e atutte le famiglie “forzatamente isolate”.
    White B.

    • 7 febbraio 2012 22:27

      è anche per questo che ho voluto mettere il link al blog, leggerlo secondo me può aiutare ad avvicinare questi due mondi paralleli.. un abbraccio

  6. 5 febbraio 2012 21:13

    Wolky cara io mi rendo conto che sono una vigliacca ma a certe cose non ci posso pensare. Ho troppa paura anche solo di sfiorarle con la mente. Ripeto, sono una vigliacca schifosa ma non riesco proprio, ci sto troppo male.

  7. Rita permalink
    5 febbraio 2012 21:30

    Il problema dell’alterazione del gusto mi era stato spiegato alcuni anni fa da un giovane cugino di mio marito, il quale raccontava che aveva “imparato” a sentire il gusto del cibo “in gola”, perchè in bocca non sentiva altro che sapore “di metallo”.
    Per quanto attiene il blog “il regno di Op”, anche io l’ho letto, d’un fiato, con il cuore a mille e davvero, non ci sono parole per tanta inumana sofferenza, dei piccoli e dei loro genitori che devono portare tale fardello. Buona notte Wolkerina, speriamo lo sia.

    • 7 febbraio 2012 22:29

      sentire il gusto in gola.. dovrò provare la prossima volta! Buonanotte Rita

  8. 6 febbraio 2012 08:54

    sei una grandissima persona,ti abbraccio forte!

  9. 6 febbraio 2012 16:51

    Un grande abbraccio! Ho iniziato a leggere…ho respirato a fondo, ma l’ho finito. Con calma mi aggiornerò ma è un’operazione da affrontare con il cuore, devo essere pronta!
    Baci

  10. 6 febbraio 2012 17:15

    Il problema dei tumori infantili mi colpisce molto, adesso non so se ce la farò a leggere il sito che hai linkato, ma presto lo farò.
    Un abbraccio forte forte.

    • 7 febbraio 2012 22:30

      è quello che ha trattenuto me all’inizio, quando poi arriva il momento giusto val la pena coglierlo perché merita. Ti abbraccio

  11. Chiara permalink
    6 febbraio 2012 17:22

    Che dire…a volte non ci sono commenti da fare…però, e sono sicura che non ti dispiacerà, approfitto del tuo blog per lanciare un’idea…quest’anno il mio bimbo più grande farà la Prima Comunione…e abbiamo pensato di ordinare, come bomboniere, le scatoline porta-confetti dell’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze. Sono entrata, fortunatamente, solo una volta là dentro…erano quasi le una di notte…ma varcata la porta…abbiamo trovato tanti sorrisi…di operatori e volontari…con tanto di bolle di sapone…pennarelli…pupazzi colorati…per un attimo ci siamo dimenticati di trovarci in un ospedale… Grazie per questo tuo post… Da oggi per me avrà un posto speciale anche il Regno di OP! Un abbraccio. Chiara

    • 7 febbraio 2012 22:30

      grazie a te Chiara, ovvio che non mi dispiace, mi sembra che abbiate avuto un’ottima idea!

  12. 6 febbraio 2012 22:04

    Wolk, è incredibile la coincidenza… Ho appena anch’io un post dove parlavo della FIAGOP, e mi è venuto in mente il blog Il regno di Op che un giorno ho letto perché segnalato da un’amica di quella mamma straordinaria che lo scrive, e di cui conoscevo la storia.
    Ti abbraccio

  13. Rita permalink
    8 febbraio 2012 11:36

    Buongiorno cara. Nuova veste il Tuo blog? Che dire, “spartano” ma non meno “gradevole”. Ti mando un caro saluto e Ti confermo il mio impegno e la mia partecipazione per “l’amore cura”. Le ottime iniziative vanno sempre sostenute, ognuno per la propria parte, grande o piccola che sia.

    • 8 febbraio 2012 17:42

      grazie Rita! e per il blog sono ancora in fase migrante.. prima o poi mi fermerò!

  14. rita permalink
    9 febbraio 2012 10:31

    Nonostante il freddo polare, Ti arrivi un mio caloroso abbraccio ed un costante pensiero, che sai essere particolarmente intensi da oggi e per i giorni a seguire…..quindi sempre!!

  15. 16 febbraio 2012 10:33

    è capitato anche a me, nn x la chemio ma x la radioterapia. che sensazione orrenda, nn riuscivo più a sentire nulla, cucinare era un terno al lotto.
    dopo qualche tempo è passato tutto ma la sensazione di estraneamento nn la dimentico più. coraggio

    • 16 febbraio 2012 17:28

      grazie Emily! per fortuna per adesso posso dire che dopo pochi giorni passa, e anche se so che è un effetto temporaneo è davvero una brutta sensazione ..
      P.S. sai che ti seguo silenziosamente da tanto tanto tempo?

Trackbacks

  1. IL REGNO DI OP | L'angolo di White B.
  2. Ode a Internet! | Crisz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: